Valute europee: previsione sugli investimenti vincenti del 2017

Quello appena cominciato, per i mercati finanziari, sarà un anno davvero ricco di sorprese. A doversi destreggiare tra le turbolenze di un 2017 che si prospetta degno erede del 2016, saranno soprattutto gli investitori che operano nel Forex, l’enorme mercato delle valute caratterizzato, specie in questo ultimo periodo, da incredibili scossoni che hanno cambiato non poco le carte in tavola.

Anche chi sa tutto sul forex trading potrebbe avere delle difficoltà ad affrontare il mercato. Vediamo quindi quali sono le valute europee sul quale puntare nel corso di quest’anno, e quali sono gli strumenti adatti per il forex.

investimenti vincentiPer prima cosa, non pensate che un simile mercato sia fatto solo per multinazionali e banche centrali. I rischi, per i piccoli trader, sono parecchi, ma questo non vuol dire che il Forex sia sinonimo di fallimento sicuro. Basta un po’ di pratica per imparare a investire al meglio in un mercato amplissimo e con un volume di liquidità giornaliera enorme.

Le possibilità di veder fruttare il proprio investimento aumentano poi se si pianificano al meglio le proprie mosse e se si seguono il più possibile i trend del mercato. Insomma, in poche parole si deve conoscere a menadito il settore delle valute, sapendo sempre su quali puntare. Il rischio numero uno, infatti, è quello di dover far fronte alle possibili e rapide cadute della moneta in cui si è investito.

Un rischio tanto maggiore se si vuole investire sulle valute europee, soggette nel 2016 a crolli tremendi. Ma niente paura, il 2017 sembra portare buone notizie. Le banche europee si stanno rialzando dopo le cadute del Bail In e della post-Brexit e ora la situazione si sta facendo favorevole per i forex trader.

Come possiamo capire su quale valuta puntare e quando farlo? Bisogna avere la giusta pazienza e usare gli strumenti giusti. Tra tutti, spiccano senz’altro i parametri delle agenzie di rating, che segnalano le obbligazioni considerate “affidabili”. Altro consiglio generale è quello di evitare di investire più di quanto possiate permettervi.

Proprio per questo bisognerà stabilire alcuni paletti a priori e focalizzarsi su poche valute evitando troppe aperture allo stesso tempo. Tenete inoltre presente che i prossimi trimestri saranno quelli giusti per puntare, oltre che sulle monete europee più classiche, anche sui quelli ormai considerati “mercati emergenti”, in particolare sulla Turchia (EUR/TRY), sull’Ungheria (EUR/HUF) e sulla Polonia (EUR/PLN). Concentratevi sempre su simili mercati, seguite i trend e scegliete il momento giusto per investire. Non sbaglierete.

One comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*