Bitcoin: bolla speculativa o affare da cogliere al volo?

Nelle ultime settimane si sente molto parlare di bitcoin, su più fronti. La criptomoneta creata nel 2009 oggi sta raggiungendo valori incredibili, che superano i 10.000 dollari per pezzo, partendo pochi anni fa da un valore nominale di pochi centesimi di dollaro.

Chiaramente maggiore è l’interesse creato dai media e l’aumento di valore di un bene nel corso del tempo, e maggiore è anche il desiderio di “essere della partita”, acquistando qualche bitcoin o investendo in altre criptovalute.

Le motivazioni per cui un bitcoin vale così tanto sono due: il quantitativo di criptomoneta disponibile al mondo è stato fissato inizialmente e un numero crescente di persone sono interessate ad avere questo bene, sperando di guadagnarci. Ma queste motivazioni sono sufficienti a mantenere alto il valore di un bitcoin anche in futuro? La risposta non è così facile da dare.

Una bolla finanziaria

bolla speculativa?Sono molti gli analisti finanziari che stanno parlando, in questi giorni, di bolla dei bitcoin, da alcuni assimilata a quella dei tulipani nell’Europa del Seicento. Ciò che più preoccupa è la rapida cavalcata degli ultimi mesi, che ha portato i bitcoin ad un aumento di valore del 1.000% in meno di un anno.

In genere in finanza quando si sono verificati casi del genere si è poi avuto un repentino crollo delle quotazioni, cosa che dovrebbe mettere sull’avviso coloro che stanno investendo tutto ciò che hanno in bitcoin. Del resto però quando si guardano anche le altre criptovalute quotazioni che aumentano nel corso di poche settimane non sono così rare, anzi. Basta guardare ad esempio alla moneta di Ethereum, nata da poco ma già con un valore decisamente interessante.

Purtroppo quando si investe non è possibile avere la certezza di guadagnare, in nessun ambito. Quindi chi desidera investire in bitcoin deve solo sperare che il mercato continui come sta facendo in questi giorni, ma nessuno gli potrà dare tale certezza.

Altri tipi di investimento

Se non si vogliono acquistare bitcoin, o altre criptomonete, è possibile speculare tramite altri metodi, come ad esempio il trading online con i CFD. Non stiamo parlando di metodi di investimento meno rischiosi, certo è che volendo si può entrare in questo tipo di mercato anche con capitali non eccessivamente elevati. Il rischio è simile, ma investendo cifre molto piccole la perdita eventuale si farà sentire meno sulle nostre finanze.

Per investire nelle criptomonete con i CFD si deve cercare un broker che ci permetta di entrare in questo tipo di affari. Conviene ricordare che i CFD permettono di sfruttare la leva finanziaria, questo significa che anche se ci si espone per cifre non altissime, i guadagni possono invece essere decisamente interessanti. Alcuni broker consentono di aprire affari anche con cifre inferiori ai 100 euro, quindi alla portata di chiunque.

Se ci si vuole esporre per cifre non elevatissime è anche possibile acquistare altre criptomonete, non bitcoin, come ad esempio quella di ripple o di Litecoin. Stiamo parlando di monete virtuali, che funzionano tramite blockchain come i bitcoin ma nate solo negli ultimi anni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*